Altro
un tuffo nel po

Parma, il big jump nel Po per richiamare l'attenzione sull'emergenza siccità

L’iniziativa annuale che in tutta Europa vuole dare protagonismo alla natura e alle sue difficoltà, ha avuto come scenario il tratto del Po a Roccabianca di Parma.

Parma, il big jump nel Po per richiamare l'attenzione sull'emergenza siccità
Altro Reggio Emilia, 11 Luglio 2022 ore 10:38

ROCCABIANCA - Il big jump, l’iniziativa annuale che in tutta Europa vuole dare protagonismo alla natura e alle sue difficoltà, quest’anno è stato per forza di cose un tuffo meno profondo, e ha avuto come scenario il tratto del Po a Roccabianca di Parma.

Big jump nel Po per richiamare l'attenzione sull'emergenza siccità

"Siamo più abituati a preoccuparci delle piene e quest’anno un’allerta rossa sulla crisi idrica in senso negativo porta preoccupazioni maggiori", ha detto Alessandro Gattara, sindaco di Roccabianca.

Come riportano i colleghi di Prima Modena, in primo piano ci sono le aspettative per i fondi del PNRR per il contrasto alla siccità e per interventi strutturali a lungo termine e Legambiente Emilia Romagna chiede che la visione vada oltre i meri seppur fondamentali interventi tecnici: "sia rafforzando quella che è la rete ecologica che già oggi è valorizzata da numerose aree protette - ha affermato il presidente di Legambiente Emilia Romagna Davide Ferraresi - sia attraverso un sistema di governance che rende effettivamente i cittadini e i comuni più protagonisti della gestione del fiume e di quelli che saranno gli interventi portati avanti anche con il PNRR".

"Bisogna trovare la maniera di dare la continuità e soprattutto una gestione a quegli interventi a quei tratti di fiume che saranno oggetto di questa rinaturazione, al ripristino naturale del fiume", ha concluso Massimo Gibertoni, Legambiente ''Gli Aironi del Po''.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter