Attualità
alzare la voce

Troppi insetti negli asili nido: la denuncia di una mamma sui social

Troppe zanzare e zero protezioni che aumentano il rischio di malattie per i più piccoli

Troppi insetti negli asili nido: la denuncia di una mamma sui social
Attualità Correggio e Bassa, 16 Settembre 2022 ore 13:00

Sta diventando virale la denuncia di una mamma di Correggio sulle condizioni igienico-sanitarie scarse di alcuni asili nido.

La denuncia di una mamma sui social

COREGGIO - Bambini non accolti e protetti come dovrebbero, punti in maniera spropositata da zanzare e insetti vari, asili senza zanzariere... sono queste le problematiche che hanno spinto una mamma di Correggio ad esprimere pubblicamente la propria indignazione.

Il testo della denuncia

"Abbiamo la fortuna di vivere nella provincia con la migliore qualità degli asili nido e scuole materne, il nostro modello di scuola viene esportato in diversi Paesi
SIAMO DAVVERO FORTUNATI?
Ho 3 figli, due dei quali hanno frequentato l’asilo nido Mongolfiera, a Correggio, a partire dal 2018.
Accanto alla grande competenza delle educatrici, che sanno accompagnare i nostri bambini con preparazione e dolcezza troviamo una GRANDE CRITICITÀ IGIENICO SANITARIA: la quantità spropositata di zanzare.
Quello che dovrebbe essere un ambiente protetto, accogliendo lattanti di pochi mesi fino a bimbi di 3 anni, diventa un luogo decisamente avverso.
Nell’asilo nido Mongolfiera:
-non sono presenti zanzariere
-non vengono forniti repellenti adatti ai bambini
-non vengono eseguiti trattamenti adulticidi
SIAMO DAVVERO FORTUNATI?
I bambini vengono ripetutamente punti, e oltre al rischio di passaggio di malattie, il problema è rappresentato dal fatto che si grattano, si formano le crosticine, si grattano nuovamente e sanguinano aumentando in questo modo la criticità igienica.
Come mamme di diverse sezioni abbiamo inviato decine di mail a ISECS e fatto numerose telefonate, grazie alle quali è stato coinvolto l’ufficio di igiene pubblica e AUSL ha acconsentito ad un trattamento adulticida dopo un sopralluogo che evidenziava la quantità esagerata di insetti.
UN UNICO TRATTAMENTO
L’ormai ex sindaco Ilenia Malavasi ha promesso che, dopo quel trattamento eccezionale, avrebbero installato una zanzariera nel locale dormitorio.
Può essere una soluzione al problema un solo trattamento e una sola zanzariera?
C’è la necessità di programmare la strategia corretta, di eseguire trattamenti perimetrali ad intervalli regolari: a Reggio Emilia sono stati stanziati fondi per la lotta alle zanzare, il comune di Correggio ha aderito?
Chi può risolvere questo problema?
(Allego foto di mio figlio,18 mesi, e di un compagno dopo una giornata all’asilo con i repellenti sui vestiti e sulla pelle)

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter