Cronaca
emergenza

Allarme maltempo: dichiarato lo stato di mobilitazione del Servizio Nazionale della Protezione Civile

48ore di piogge incessanti e fiumi in allerta rossa. Una situazione senza precedenti storici

Allarme maltempo: dichiarato lo stato di mobilitazione del Servizio Nazionale della Protezione Civile
Cronaca Pubblicazione:

Il Governo ha accolto la richiesta di Bonaccini di avviare lo stato di mobilitazione del Servizio Nazionale di Protezione Civile per rispondere all'ondata di maltempo estremo che sta colpendo la nostra Regione.

Stato di mobilitazione del Servizio Nazionale della Protezione Civile

REGGIO EMILIA - Come riporta Prima Modena, per far fronte ai gravi effetti del maltempo, il presidente della Regione, Stefano Bonaccini, ha firmato la richiesta per lo stato di mobilitazione: un atto, questo, con cui si chiedeva l’attivazione e l’intervento del sistema di Protezione civile nazionale in Emilia-Romagna e la copertura delle prime spese necessarie per affrontare l’emergenza.

La richiesta è stata accolta dal Governo: il ministro della Protezione Civile, Nello Musumeci, ha già firmato infatti il decreto per disporre la mobilitazione straordinaria del servizio nazionale di Protezione civile a supporto della regione.

Incontri con i sindaci

Domani mattina il presidente Bonaccini incontrerà a Faenza i sindaci del ravennate, per fare un primo punto della situazione; seguirà successivamente un incontro a Imola con sindaci del bolognese. Agli incontri saranno presenti il presidente della Provincia di Ravenna, Michele De Pascale, e il sindaco della Città metropolitana di Bologna, Matteo Lepore.

Una situazione senza precedenti

“Una situazione che non ha precedenti storici, non era mai caduta così tanta acqua in poco tempo- ha sottolineato Bonaccini, che ha incontrato la stampa con la vicepresidente, Irene Priolo, e il sottosegretario Davide Baruffi, al termine di un vertice operativo al Centro operativo della Protezione civile regionale a Bologna-. Desidero rivolgere il mio grazie al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, che mi ha chiamato esprimendo vicinanza alla popolazione e ai territori, e gratitudine ai volontari e alla Protezione civile. Rinnovo inoltre il mio ringraziamento alla presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, per la vicinanza e il sostegno che ci ha garantito”.

La richiesta al Governo

“Abbiamo già avviato la procedura per la richiesta al Governo dello stato di emergenza nazionale- ha proseguito il presidente-. Fin dalla scorsa notte, la Protezione civile regionale è al lavoro incessantemente, insieme ai Vigili del fuoco, all’Esercito, alle Forze dell’ordine e a tanti volontari, mentre insieme alla vicepresidente Priolo siamo in contatto costante con i sindaci dei territori colpiti. Purtroppo contiamo due vittime, oltre a centinaia di famiglie costrette a lasciare le loro abitazioni dopo evacuazioni, soprattutto a scopo preventivo”.

“Desidero, infine ringraziare le Regioni che hanno inviato personale e mezzi e a tutto il sistema regionale impegnato da ore e ore nel prestare aiuto a chi ha bisogno e nella realizzazione degli interventi necessari”.

Fiumi in allerta rossa

La vicepresidente Priolo ha sottolineato l’eccezionalità della situazione, sia per il tempo di ritorno (un evento così ogni 100 anni), sia per la piena contemporanea di 13 fiumi in allerta rossa. Per la maggior parte si tratta di affluenti del Reno: la crisi ha riguardato, quindi, il cosiddetto reticolo minore.

Attualmente la situazione più delicata riguarda il fiume Lamone, che ha tracimato per la tanta acqua caduta, rompendo anche gli argini. A questo proposito, alta è l’attenzione per Bagnacavallo, nel ravennate: qui ci sono alcune frazioni interessate dalla rottura sul Lamone, e si sta cercando di evitare ulteriori allagamenti.

Seguici sui nostri canali