Cronaca
il provvedimento

Sant'Ilario d'Enza, arrestato un giovane che aggrediva i genitori per denaro

I Carabinieri di Sant’Ilario hanno messo fine ad una storia di violenza che andava avanti da mesi.

Sant'Ilario d'Enza, arrestato un giovane che aggrediva i genitori per denaro
Cronaca Reggio Emilia, 23 Maggio 2022 ore 15:06

SANT'ILARIO D'ENZA - Maltrattamenti in famiglia, estorsione, lesioni personali  e violenza  privata sono i reati che i Carabinieri di Sant’Ilario d’Enza hanno ipotizzato a carico di un giovane che ieri, 22 maggio 2022, è stato arrestato. Poco dopo la mezzanotte di sabato l’ulteriore episodio di una storia che prosegue ormai da mesi e sempre per lo stesso motivo.

Da mesi aggrediva i genitori per denaro

Il giovane, che già nei giorni scorsi si era guadagnato un paio di denunce per i medesimi atteggiamenti, ha raggiunto i genitori pretendendo per l’ennesima volta che gli dessero del denaro. Al rifiuto, il giovane ha reagito con veemenza, tanto da rendersi necessario un primo intervento della pattuglia dei Carabinieri della Stazione di Sant’Ilario, inviata sul posto dalla Centrale Operativa di Reggio Emilia a cui gli stessi genitori avevano dato l’allarme.

Una volta, solo apparentemente, placati gli animi i Carabinieri si sono allontanati dalla abitazione della famiglia, dovendoci tornare poco dopo a causa dell’ulteriore reazione violenta del figlio.

Il secondo intervento e l'arresto

Questa volta i militari in casa hanno trovato il padre con gli abiti strappati e con evidenti lesioni al volto, ragione per cui hanno dovuto procedere ad immobilizzare il giovane e ad accompagnarlo in caserma per le ulteriori formalità.

Ricevuto il referto medico del padre, a cui è stata data una prognosi di 15 giorni, ed attesa la flagranza del reato, i Carabinieri di Sant’Ilario d’Enza hanno formalizzato l’arresto del giovane associandolo alla Casa Circondariale di Reggio Emilia a disposizione della Procura della Repubblica che, ora, dovrà concludere le indagini al fine di mettere in condizione il Giudice di valutare le sue reali responsabilità penali.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter