Cronaca
molestie

Scandiano, la consigliera Elena Diacci avvicinata da un'auto con un uomo completamente nudo al volante

L'uomo ha fermato l'auto e ha abbassato il finestrino fingendo di dover chiedere indicazioni stradali.

Scandiano, la consigliera Elena Diacci avvicinata da un'auto con un uomo completamente nudo al volante
Cronaca Scandiano e Pedemontana, 23 Giugno 2022 ore 10:13

SCANDIANO - A raccontarlo è la stessa consigliera sulla sua pagina Facebook.

Uomo completamente nudo al volante disturba la consigliera Elena Diacci

"Mentre compivo la mia consueta camminata purtroppo mi è capitato un episodio a dir poco spiacevole a poca distanza da casa dove sono nata e cresciuta e che ancora oggi vi abito.
Mi trovavo in Via Soglia frazione de la Noce di Albinea e ho notato che una macchina ha iniziato a seguirmi, poco dopo mi ha sorpassata e all’altezza di Via Romana (Ceramica Arpa a Bosco di Scandiano) la stessa autovettura contraria al mio senso di marcia si è avvicinata ed ha abbassato il finestrino per chiedermi un informazione relativamente la strada da percorrere per Albinea.
Ingenuamente ed educatamente mi sono avvicinata all’auto per indicarlo, all’interno vi era un uomo completamente nudo con i pantaloni abbassati."

La consigliera ha subito sporto denuncia

"Alla vista di questo sono immediatamente scappata fotografando la targa del veicolo ed ho chiamato il 112 totalmente sotto shock.
Infinitamente grazie ai carabinieri di Casalgrande che con grazia e cortesia e imminenza si sono subito adoperati per aiutarmi. In caserma ho sporto denuncia contro questi atti che ancora oggi nel 2022 una donna deve subire. Non posso e non riesco a spiegarmi come un uomo così possa poter provare a privare la libertà altrui con tali gesti.
Non posso nemmeno pensare che una semplice passeggiata dopo ore di lavoro possa trasformarsi come è successo a me in un incubo perché Io riconoscerei quella persona in mezzo a centinaia e il suo sguardo mi è rimasto impresso nella mente."

L'appello alle donne sul non avere paura di denunciare

"Ho voluto denunciare perché credo che tutte le donne, debbano sapere ciò che è successo a me per tutelarsi ed eventualmente non avere paura a rivolgersi alle autorità competenti.
Confido nelle indagini e nel proseguimento da parte della magistratura, questa mattina mi sono recata presso il mio Studio Legale di fiducia per consegnare la documentazione necessaria."

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter